Advanced search in Research products
Research products
arrow_drop_down
Searching FieldsTerms
Any field
arrow_drop_down
includes
arrow_drop_down
The following results are related to Rural Digital Europe. Are you interested to view more results? Visit OpenAIRE - Explore.
18 Research products

  • Rural Digital Europe
  • 2018-2022
  • Research data
  • Other research products
  • Other ORP type
  • IT
  • Italian

10
arrow_drop_down
Date (most recent)
arrow_drop_down
  • La globalizzazione dell'economia, accompagnata dall'emergere di modelli di potere transnazionali, ha profondamente alterato il tessuto sociale, economico e politico di vaste aree e, in particolare, delle città globali (Sassen, 1991), luoghi di intersezione tra globale e locale, centri di snodo per commerci, finanza e attività bancarie. Tale fenomeno, tipico degli anni ’90, ha preceduto la imponente diffusione delle smart cities, che ha esaltato i paradigmi relativi all’economia della conoscenza ed alla rasformazione digitale delle città. In tale scenario, appare interessante indagare analiticamente, alla scala urbana, il rapporto tra i consolidati drivers dello sviluppo, in relazione a variabili geografiche di influenza. Il presente contributo, pertanto, a partire da una riflessione critica sul tema, ambisce a riportare evidenze analitiche della presenza di un determinismo geografico relativo alla intensità della correlazione fe-nomenologica tra l’economia della conoscenza e la trasformazione digitale, dimostrando che fattori geografici riferibili alla dimensione urbana e alla localizzazione possono rafforzare l’entità del legame causale. La valenza dei risultati ricercati si manifesta, sul piano teorico, nella possibilità di disporre di accurati modelli causali che governano le dinamiche di sviluppo urbano inerenti ai paradigmi analizzati e, sul piano pratico, nella possibilità, per gli amministratori locali e gli addetti ai lavori, di caratterizzare la pianificazione delle attività in funzione di variabili di contesto. The globalization of the economy, accompanied by the emergence of transnational power models, has profoundly altered the social, economic and political fabric of vast areas and, particularly, that of global cities (Sassen, 1991), places of intersection between global and local, junction centres for trade, finance and banking activities. This phenomenon, typical of the 90s, preceded the massive diffusion of smart cities, which enhanced the paradigms relating to the knowledge economy and the digital transformation of cities. In this scenario, it is interesting to investigate analytically, at the urban scale, the relationship between the established drivers of development, in relation to geographical variables of influence. The present contribute, therefore, starting from a critical reflection on the subject, aims to bring analytical evidence of the presence of a geographical determinism relative to the intensity of the phenomenological correlation between the knowledge economy and digital transformation, showing that geographic factors related to urban size and location can strengthen the causal link. The value of the results is twofold, on a theoretical level, consists in the possibility of having accurate causal models that govern the dynamics of urban development inherent to the paradigms analysed and, on a practical level, in the possibility, for local administrators and experts, of characterize the planning of the activities, according to context variables.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • What was it like to work as an EU interpreter in 1989, when The Theoretical and Prac­tical Aspects of Teaching Conference Interpretation was first published in Trieste? And what is it like in the age of digitalisation and globalisation? The use of English as a Lingua Franca has been spreading relentlessly at the European Institutions, but mul­tilingualism has not yet been lost and is still strongly promoted. This poses quite some challenges for interpreters, as a great deal of what they have to interpret is non-standard English, and at the same time they have to maintain a thorough knowledge of several passive languages. A group of European Commission staff interpreters share their views on how their work has changed over the past decades and on what this means for trainers and young interpreters wishing to embark upon a career at the EU.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • Authors: RIGGI, Ezio; CARROCCIO, Sabrina Carola; SPAMPINATO, Daria;

    Logo di progetto

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2019
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2019
      Data sources: CNR ExploRA
  • La Carta dei prodotti alimentarii delle Provincie Continentali del Regno delle Due Sicilie di Benedetto Marzolla (1856) è un’importante risorsa per il governo del territorio nel Mezzogiorno d’Italia preunitario. Sulla base delle informazioni del Ministero dell’Annona disponibili a metà del XIX secolo, mostra le produzioni tipiche del Regno con un’efficace sintesi iconografica. In ottica geografico-storica offre spunti ulteriori per una ricostruzione del contesto territoriale di riferimento in prospettiva diacronica. Ne emerge infatti una geografia delle produzioni ancora attuale, sebbene i paesaggi di riferimento siano stati oggetto di trasformazioni non sempre apprezzabili. Allo stesso tempo la carta può diventare uno strumento di “marketing territoriale”, valorizzando, per certi versi, alcuni prodotti locali d’eccellenza (come DOP e IGP). Un particolare importante soprattutto per la Campania, il cui territorio, tradizionalmente legato allo sviluppo di agricoltura, allevamento e pesca, necessita con urgenza di interventi strutturali per il recupero e la valorizzazione delle sue risorse. The “alimentary” map of Benedetto Marzolla (1856) is an important resource for the territory’s government in the South Italy before the unification. Starting by the statistical information of the Ministry of the Annona at mid-nineteenth century, it presents the typical produc¬tions of the Kingdom through an effective iconographic synthesis. From a geographical-historical perspective, it offers further hints for a reconstruction of its territorial context, in diachronic perspective. In fact, it reveals a geography of the productions still existing, although the reference landscapes have been the object of transformations that are not always appreciable. At the same time, the map can be a “ter¬ritorial marketing” tool, promoting, in several respects, some excellent local products (such as DOP and IGP). An important detail, especially in Campania, whose territory, traditionally linked to the development of agriculture, breeding and fishing, needs structural interventions for the recovery and enhancement of its resources.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Candiani, Gabriele; Pepe, Monica;

    Le catene di processamento Sentinel-2 costituiscono l'elemento di back end per la generazione dei prodotti relativi allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2), visualizzabili dagli utenti del progetto mediante apposita interfaccia web (https://telemod.get-it.it). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, processarli nel formato di output, calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza e generare da essi i prodotti informativi sullo stato della variabilità intra-appezzamento. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Nutini, Francesco; Criscuolo, Laura; Boschetti, Mirco;

    Le catene di processamento Sentinel-2 costituiscono l'elemento di back end per la generazione dei prodotti relativi allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2), visualizzabili dagli utenti del progetto mediante apposita interfaccia web GET-IT (http://saturno.get-it.it). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, applicare una mascheratura delle nuvole e delle superfici non agricole, processarli nel formato di output e calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Busetto, Lorenzo; Lanucara, Simone; Boschetti, Mirco;

    Le catene di processamento Sentinel-2 consentono di fornire informazioni in tempo reale relative allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, applicare una mascheratura delle nuvole, processarli nel formato di output, calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza e generare da essi i prodotti informativi sullo stato della variabilità intra-appezzamento delle aziende coinvolte. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale. L'esecuzione giornaliera delle catene di processamento è possibile grazie all'esecuzione su infrastruttura cloud dedicata, che permette di processare una notevole mole di dati nei tempi richiesti.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • L’autore introduce il tema dell’articolo evidenziando le trasformazioni dell’ambiente per effetto dell’intervento dell’uomo con le sue idee di produzione di merci, di benessere e di ricchezza e delle tecnologie che progressivamente prendono il sopravvento sui processi naturali dell’ambiente. A partire dagli anni quaranta del Novecento la crisi dei rapporti fra l’uomo e la biosfera si è fatta ancora più grave a causa del rapido aumento della popolazione mondiale e per l’estendersi del processo di industrializzazione ai paesi fin allora rimasti esclusi da tale processo. L’autore passa poi ad osservare come si operi un uso indiscriminato delle tecnologie senza rendersi conto che affrontare le relative conseguenze negative implica il superamento di almeno cinque trappole. Anzitutto la trappola dell’agricoltura per l’uso di fertilizzanti, antiparassitari, prodotti chimici. Poi la trappola dell’energia per la non rinnovabilità di alcune di tali energie e l’inquinamento dell’ambiente. In terzo luogo la trappola dell’acqua sprecata e inquinata, poi la trappola della città, e infine la trappola degli armamenti. L’articolo è concluso con la valutazione del “cosa fare” più in generale e a livello delle politiche sociali: anzitutto l’autore richiama la politica di gestione delle risorse e la realizzazione di una tecnologia sociale appropriata, con la creazione di istituzioni per la tutela dell’ambiente (dei Dipartimenti) e la formazione dell’opinione pubblica attraverso l’educazione e la divulgazione delle informazioni utili, non solo per i prossimi decenni, ma anche per i prossimi secoli. The author begins his analysis with a survey of the environmental changesbrought about by human activity and ideas about the production of goods, well-being and wealth, as well as the technology that increasingly prevails over the natural processes of theenvironment. Since the 1940s man’s relationship with the biosphere has been blighted by the rapid increase in the world’s population and the extension of industrialisation to countries hitherto excluded from it. The author goes on to observe that the indiscriminate use of technology with no consideration for its consequences has left humankind facing at least five traps. The first is the agricultural trap, caused by fertilisers, pesticides and chemical products. The second is the energy trap, the result of non-renewable sources and pollution. The otherthree are the water trap, created by waste and pollution, the city trap and the armaments trap. The article concludes with an assessment of what can be done in general and regarding social policies in particular. The author calls for a proper resources policy, the promotion of social technology, the establishment of new environmental institutions and a public awareness campaign designed to disseminate information useful not only for the coming decades but the next centuries.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
Advanced search in Research products
Research products
arrow_drop_down
Searching FieldsTerms
Any field
arrow_drop_down
includes
arrow_drop_down
The following results are related to Rural Digital Europe. Are you interested to view more results? Visit OpenAIRE - Explore.
18 Research products
  • La globalizzazione dell'economia, accompagnata dall'emergere di modelli di potere transnazionali, ha profondamente alterato il tessuto sociale, economico e politico di vaste aree e, in particolare, delle città globali (Sassen, 1991), luoghi di intersezione tra globale e locale, centri di snodo per commerci, finanza e attività bancarie. Tale fenomeno, tipico degli anni ’90, ha preceduto la imponente diffusione delle smart cities, che ha esaltato i paradigmi relativi all’economia della conoscenza ed alla rasformazione digitale delle città. In tale scenario, appare interessante indagare analiticamente, alla scala urbana, il rapporto tra i consolidati drivers dello sviluppo, in relazione a variabili geografiche di influenza. Il presente contributo, pertanto, a partire da una riflessione critica sul tema, ambisce a riportare evidenze analitiche della presenza di un determinismo geografico relativo alla intensità della correlazione fe-nomenologica tra l’economia della conoscenza e la trasformazione digitale, dimostrando che fattori geografici riferibili alla dimensione urbana e alla localizzazione possono rafforzare l’entità del legame causale. La valenza dei risultati ricercati si manifesta, sul piano teorico, nella possibilità di disporre di accurati modelli causali che governano le dinamiche di sviluppo urbano inerenti ai paradigmi analizzati e, sul piano pratico, nella possibilità, per gli amministratori locali e gli addetti ai lavori, di caratterizzare la pianificazione delle attività in funzione di variabili di contesto. The globalization of the economy, accompanied by the emergence of transnational power models, has profoundly altered the social, economic and political fabric of vast areas and, particularly, that of global cities (Sassen, 1991), places of intersection between global and local, junction centres for trade, finance and banking activities. This phenomenon, typical of the 90s, preceded the massive diffusion of smart cities, which enhanced the paradigms relating to the knowledge economy and the digital transformation of cities. In this scenario, it is interesting to investigate analytically, at the urban scale, the relationship between the established drivers of development, in relation to geographical variables of influence. The present contribute, therefore, starting from a critical reflection on the subject, aims to bring analytical evidence of the presence of a geographical determinism relative to the intensity of the phenomenological correlation between the knowledge economy and digital transformation, showing that geographic factors related to urban size and location can strengthen the causal link. The value of the results is twofold, on a theoretical level, consists in the possibility of having accurate causal models that govern the dynamics of urban development inherent to the paradigms analysed and, on a practical level, in the possibility, for local administrators and experts, of characterize the planning of the activities, according to context variables.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • What was it like to work as an EU interpreter in 1989, when The Theoretical and Prac­tical Aspects of Teaching Conference Interpretation was first published in Trieste? And what is it like in the age of digitalisation and globalisation? The use of English as a Lingua Franca has been spreading relentlessly at the European Institutions, but mul­tilingualism has not yet been lost and is still strongly promoted. This poses quite some challenges for interpreters, as a great deal of what they have to interpret is non-standard English, and at the same time they have to maintain a thorough knowledge of several passive languages. A group of European Commission staff interpreters share their views on how their work has changed over the past decades and on what this means for trainers and young interpreters wishing to embark upon a career at the EU.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • Authors: RIGGI, Ezio; CARROCCIO, Sabrina Carola; SPAMPINATO, Daria;

    Logo di progetto

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2019
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2019
      Data sources: CNR ExploRA
  • La Carta dei prodotti alimentarii delle Provincie Continentali del Regno delle Due Sicilie di Benedetto Marzolla (1856) è un’importante risorsa per il governo del territorio nel Mezzogiorno d’Italia preunitario. Sulla base delle informazioni del Ministero dell’Annona disponibili a metà del XIX secolo, mostra le produzioni tipiche del Regno con un’efficace sintesi iconografica. In ottica geografico-storica offre spunti ulteriori per una ricostruzione del contesto territoriale di riferimento in prospettiva diacronica. Ne emerge infatti una geografia delle produzioni ancora attuale, sebbene i paesaggi di riferimento siano stati oggetto di trasformazioni non sempre apprezzabili. Allo stesso tempo la carta può diventare uno strumento di “marketing territoriale”, valorizzando, per certi versi, alcuni prodotti locali d’eccellenza (come DOP e IGP). Un particolare importante soprattutto per la Campania, il cui territorio, tradizionalmente legato allo sviluppo di agricoltura, allevamento e pesca, necessita con urgenza di interventi strutturali per il recupero e la valorizzazione delle sue risorse. The “alimentary” map of Benedetto Marzolla (1856) is an important resource for the territory’s government in the South Italy before the unification. Starting by the statistical information of the Ministry of the Annona at mid-nineteenth century, it presents the typical produc¬tions of the Kingdom through an effective iconographic synthesis. From a geographical-historical perspective, it offers further hints for a reconstruction of its territorial context, in diachronic perspective. In fact, it reveals a geography of the productions still existing, although the reference landscapes have been the object of transformations that are not always appreciable. At the same time, the map can be a “ter¬ritorial marketing” tool, promoting, in several respects, some excellent local products (such as DOP and IGP). An important detail, especially in Campania, whose territory, traditionally linked to the development of agriculture, breeding and fishing, needs structural interventions for the recovery and enhancement of its resources.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Candiani, Gabriele; Pepe, Monica;

    Le catene di processamento Sentinel-2 costituiscono l'elemento di back end per la generazione dei prodotti relativi allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2), visualizzabili dagli utenti del progetto mediante apposita interfaccia web (https://telemod.get-it.it). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, processarli nel formato di output, calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza e generare da essi i prodotti informativi sullo stato della variabilità intra-appezzamento. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Nutini, Francesco; Criscuolo, Laura; Boschetti, Mirco;

    Le catene di processamento Sentinel-2 costituiscono l'elemento di back end per la generazione dei prodotti relativi allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2), visualizzabili dagli utenti del progetto mediante apposita interfaccia web GET-IT (http://saturno.get-it.it). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, applicare una mascheratura delle nuvole e delle superfici non agricole, processarli nel formato di output e calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • Authors: Ranghetti, Luigi; Busetto, Lorenzo; Lanucara, Simone; Boschetti, Mirco;

    Le catene di processamento Sentinel-2 consentono di fornire informazioni in tempo reale relative allo stato delle colture agricole, derivati da telerilevamento satellitare (Missione ESA Sentinel 2). L'algoritmo R, parzialmente derivato dalla libreria R sen2r (https://github.com/ranghetti/sen2r), ha la funzione di cercare i dati Sentinel-2 disponibili su ESA SciHub, scaricarli, applicare una mascheratura delle nuvole, processarli nel formato di output, calcolare gli indici spettrali a partire dai dati di riflettanza e generare da essi i prodotti informativi sullo stato della variabilità intra-appezzamento delle aziende coinvolte. L'esecuzione automatizzata dell'algoritmo consente di mantenere aggiornato l'archivio dei prodotti senza la necessità di intervento manuale. L'esecuzione giornaliera delle catene di processamento è possibile grazie all'esecuzione su infrastruttura cloud dedicata, che permette di processare una notevole mole di dati nei tempi richiesti.

    CNR ExploRAarrow_drop_down
    CNR ExploRA
    Other ORP type . 2018
    Data sources: CNR ExploRA
    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert
      CNR ExploRAarrow_drop_down
      CNR ExploRA
      Other ORP type . 2018
      Data sources: CNR ExploRA
  • L’autore introduce il tema dell’articolo evidenziando le trasformazioni dell’ambiente per effetto dell’intervento dell’uomo con le sue idee di produzione di merci, di benessere e di ricchezza e delle tecnologie che progressivamente prendono il sopravvento sui processi naturali dell’ambiente. A partire dagli anni quaranta del Novecento la crisi dei rapporti fra l’uomo e la biosfera si è fatta ancora più grave a causa del rapido aumento della popolazione mondiale e per l’estendersi del processo di industrializzazione ai paesi fin allora rimasti esclusi da tale processo. L’autore passa poi ad osservare come si operi un uso indiscriminato delle tecnologie senza rendersi conto che affrontare le relative conseguenze negative implica il superamento di almeno cinque trappole. Anzitutto la trappola dell’agricoltura per l’uso di fertilizzanti, antiparassitari, prodotti chimici. Poi la trappola dell’energia per la non rinnovabilità di alcune di tali energie e l’inquinamento dell’ambiente. In terzo luogo la trappola dell’acqua sprecata e inquinata, poi la trappola della città, e infine la trappola degli armamenti. L’articolo è concluso con la valutazione del “cosa fare” più in generale e a livello delle politiche sociali: anzitutto l’autore richiama la politica di gestione delle risorse e la realizzazione di una tecnologia sociale appropriata, con la creazione di istituzioni per la tutela dell’ambiente (dei Dipartimenti) e la formazione dell’opinione pubblica attraverso l’educazione e la divulgazione delle informazioni utili, non solo per i prossimi decenni, ma anche per i prossimi secoli. The author begins his analysis with a survey of the environmental changesbrought about by human activity and ideas about the production of goods, well-being and wealth, as well as the technology that increasingly prevails over the natural processes of theenvironment. Since the 1940s man’s relationship with the biosphere has been blighted by the rapid increase in the world’s population and the extension of industrialisation to countries hitherto excluded from it. The author goes on to observe that the indiscriminate use of technology with no consideration for its consequences has left humankind facing at least five traps. The first is the agricultural trap, caused by fertilisers, pesticides and chemical products. The second is the energy trap, the result of non-renewable sources and pollution. The otherthree are the water trap, created by waste and pollution, the city trap and the armaments trap. The article concludes with an assessment of what can be done in general and regarding social policies in particular. The author calls for a proper resources policy, the promotion of social technology, the establishment of new environmental institutions and a public awareness campaign designed to disseminate information useful not only for the coming decades but the next centuries.

    0
    citations0
    popularityAverage
    influenceAverage
    impulseAverage
    BIP!Powered by BIP!
    more_vert